www.rfb.it - resistenza ai frankenfood ed alla biopirateria

BASTA VELENI
Prorogato lo stop ai neonicotinoidi sul mais

Sito in aggiornamento, stai sintonizzato

Segui BASTAVELENI su Twitter Seguici su Twitter


Skype
marisa.renato1

"If you think you are too small to make a difference, try sleeping with a mosquito"     H.H. the Dalai Lama

 
Chi siamo
Introduzione
Appello
Aderisci all'appello
vedi chi ha giÓ aderito
Sign the Call - Appel
Cronologia e aggiornamenti dal presidio
15 ottobre giornata di mobilitazione internazionale contro tutti i neonicotinoidi
Le spontanee reazioni al nostro appello
Sostienici con una donazione
Come possono agire le regioni?
Audizione in Consiglio Regionale del 12 settembre 2011 su "Insetticidi e apicoltura"
PerchŔ devono essere tolti dal mercato definitivamente
Documenti utili da consultare
Le nostre analisi
Video - Cosa succede alle api quando sono intossicate in maniera cronica dal neonicotinoide
Documentari sui pesticidi che sterminano le api
Documenti scientifici
link esterno, si apre una nuova finestra browser
Da non perdere questa presentazione di Tennekes

sui danni che provocano i neonicotinoidi - maggio 2011
25 luglio 2011 - Guariniello chiude l'inchiesta, Bayer e Syngenta indagate per gli insetticidi che fanno strage di api!  
Cosa si fa al Parlamento Europeo?
Link ai media che parlano del presidio
Anche nel Parlamento Britannico si chiede l'abolizione dei Neonicotinoidi
In Inghilterra la British Bee Keepers Association coinvolta in uno scandalo con i fabbricanti di insetticidi

 

Comunicato di risposta alla circolare del Settore Fitosanitario protocollata l' 11 luglio 2011

Il 18 di luglio abbiamo ricevuto dal Settore Fitosanitario, per conoscenza, la Nuova circolare sulle indicazioni di intervento per il 2░ trattamento contro lo Scafoideo vettore della Flavescenza Dorata destinato alle aziende aderenti alle misure agroambientali del P.S.R. (quelle che percepiscono i contributi europei).

Grande novitÓ Ŕ l'inserimento tra i prodotti impiegabili, del Piretro naturale, la sostanza usata da chi fa "Biologico".

E' una scelta coraggiosa, in quanto i formulati a base di piretro naturale sono molto potenti al contatto, ma essendo fotosensibili degradano molto rapidamente, in uno o due giorni al massimo.

Peccato che subito dopo l'estensore si affretti a dichiarare, riguardo al piretro: "peraltro Ŕ poco efficace contro gli adulti di scafoideo".
Come se tutti questi anni di trattamenti con le altre sostanze chimiche, dai tempi di carenza lunghissimi avessero risolto il problema!

Altra grande novitÓ Ŕ che finalmente i tecnici hanno capito che le api non volano solo alla ricerca di fiori da cui prelevare nettare e pollini: quest'anno Ŕ stato scoperto che "le api d'estate possono frequentare i vigneti anche per presenza di melata di metcalfa o per rifornirsi di acqua di rugiada".

In questo caso i viticultori sono avvertiti: si sconsiglia (non se ne fa divieto) l'impiego del neonicotinoide Thiamethoxam "nelle aree viticole contigue ad aziende apicole".

In italiano il termine "contiguo" signifi
ca "Che Ŕ a contatto, vicino e confinante", un sinonimo Ŕ adiacente.

Con questa affermazione si ribalta sulle spalle dei poveri viticultori la responsabilitÓ per un futuro e possibile danno, anche in vista delle denuncie che incominciano a circolare, non potranno dire di non essere stati informati da chi sinora sarebbe responsabile.

Come dovrÓ comportarsi quindi il viticultore? Fino a che raggio (100 metri, 1 km, o 3 km come dice il regolamento del biologico sulle api in merito all'area di bottinatura) dovrÓ prendersi la briga di cercare se ci sono apicoltori?
E chi porta le api nelle zone nettarifere, per la raccolta da nomadismo, dovrÓ cercare se alla stessa distanza ci sono viticultori che hanno il problema della flavescenza?

Ovviamente per noi tali decisioni sono totalmente insufficienti, non spostano di un millimetro le nostre posizioni circa la richiesta di bandire i neonicotinoidi dagli impieghi in agricoltura.

Ci auspichiamo per˛ che questo sforzo per venire incontro alle nostre istanze sia solo l'inizio di una pi¨ profonda e sostanziale revisione dell'atteggiamento di rassegnazione riguardo alla ineluttabilitÓ dell'uso della chimica in agricoltura.

Le nuove leggi europee sulla riduzione dei pesticidi lo impongono, le alternative ci sono, se si vogliono applicare. I corsi di laurea in agricoltura biologica sfornano tecnici sicuramente preparati per fornire indicazioni al riguardo, e per adesso non sono ancora stati aboliti.

Marisa Valente, Renato Bologna